Nel nome della madre
Nel nome della madre

Nel nome della madre

C’è oscurità nei ricordi di un bambino che adora una madre diversa da tutte le altre. È una fredda domenica di dicembre quando il corpo di una giovane donna viene ritrovato seminudo sulla spiaggia di Vietri sul mare. Si chiama Elena Schiano, è stata strangolata e il suo cadavere, avvolto in un vecchio plaid, è ricoperto solo da un dolcevita nero. Il commissario della polizia di Salerno Irene Bruno e la sua squadra iniziano a indagare e non tardano a individuare i collegamenti con altri omicidi irrisolti. Le vittime erano tutte future madri. Prostitute. Elena Schiano aveva un passato difficile e aspettava un figlio. In una città illuminata dallo spettacolo delle “Luci d’artista” e in preda alla frenesia degli acquisti di Natale, la caccia al killer negli ambienti degradati della zona diventa un’ossessione per Irene. Da quando è rimasta vedova, pochi mesi prima, il lavoro è diventato l’unico anestetico per affrontare i fantasmi di una vita: l’ombra del rapporto con la madre, i figli non avuti, i troppi silenzi sulla morte del marito. Un’indagine serrata per il commissario Irene Bruno, aiutata dal vice Andrea Tittarelli – trapiantato da Perugia in un Sud che non conosce e non capisce – e l’ispettrice Amina Najib. Un caso intricato che li costringe a rischiare la vita e a confrontarsi con gli istinti più atavici e oscuri dell’animo umano.

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    320

Sull'autore

Maria Cristina Grella

Maria Cristina Grella vive a Perugia insieme al marito e ai suoi gatti. Laureata in Lettere moderne, insegnante, ha pubblicato racconti e romanzi brevi con diversi editori. Insieme a Franco Forte e Davide De Boni è autrice di Servio Tullio – Nato dal fuoco, sesto volume della saga I sette re di Roma (Mondadori 2022). Collabora con MilanoNera, portale web dedicato al giallo e al noir. Con il thriller Nel nome della madre ha vinto la sesta edizione del concorso Fai viaggiare la tua storia.

Ti potrebbe interessare